smartphone omaggio regalo
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/5 (1 voti ricevuti)

Argentina

Vi avevamo già parlato della mania Pokèmon Go con milioni di fans e giocatori in tutto il mondo che ogni giorno vanno alla ricerca di Pokèmon da catturare, ma ecco arrivare la risposta della Chiesa con il suo nuovo gioco “Don Bosco Go”

aloe ferox curiositaeperche.it

Ma cosa è “Don Bosco Go”, “un gioco che – secondo la stessa logica dei Pokémon Go – spinge i bambini a cercare più santi possibili per poi farli interagire tra di loro. Al posto di andare a caccia di Pikachu, di Meowth e simili, i ragazzi dovranno trovare Maria Ausiliatrice, Domenico Savio e Zeferino Namuncurà e molti altri santi”, ecco le parole del suo inventore, David Brandán, coordinatore dell’istituto salesiano Maria Ausiliatrice di Bernal, in Argentina.

come aumentare il seno

L’idea è arrivata in occasione del festeggiamento dei 201 anni della nascita di Don Bosco, per l’appunto fondatore della Chiesa salesiana.

aspirapeli magico prodotto magico

L’idea di Brandán è nata proprio dall’entusiasmo dei bambini verso il gioco Pokèmon Go, fondato sulla realtà aumentata, che tanto ha trovato spazio nel tempo libero dei bambini, che amavano stare in cortile durante l’intervallo per andare alla ricerca dei Pokèmon più rari.

Ed ecco che proprio qualche giorno fa, il 17 agosto, ha organizzato una “pokerparada” per la festa di Don Bosco.

garcinia cambogia funziona davvero

argentina don bosco go

Non avendo il collegio le risorse economiche della Nintendo, non sono riusciti a creare una vera e propria app, ma di contro hanno organizzato una caccia al tesoro all’interno del cortile della Chiesa e della Cappella.

Sono stati coinvolti tutti i 215 alunni in squadre miste al fine di promuovere una maggiore integrazione tra tutti i ragazzi” – ha detto Brandán al sito argentino Diariopopular – “Questo è il valore che vogliamo insegnargli”.

Indubbiamente, ricordandovi le regole del gioco Pokèmon Go, vi starete chiedendo se una volta trovati i santi i bambini sono stati costretti a combattere tra di loro, la risposta arriva direttamente dalle parole di Brandán “Gli studenti prima devono ottenere i loro ‘Pokeball’, tutti quelli che possono cacciare all’interno dei locali della scuola” – conclude Brandán – “ma non devono farli combattere tra loro, si sfidano a rispondere alle 100 domande di Don Bosco”.

versione cattolica pokemon go

L’iniziativa è piaciuta tanto a genitori e bambini, e anche altri istituti salesiani, in particolare in Brasile e in Uruguay, hanno copiato l’idea per far avvicinare i bambini alla Chiesa e alla storia dei salesiani in maniera divertente ed originale, sfruttando la mania dei Pokèmon.

rhino correct naso rinoplastica

I salesiani non escludono che si possa ad un certo punto creare un’app per giocare a Don Bosco Go direttamente con il cellulare.

Arriva Don Bosco Go, la versione cattolica dei Pokémon Go con i santi al posto di Pikachu, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •