smartphone omaggio regalo
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0.0/5 (0 voti ricevuti)

Inghilterra

Lavorare e dormire, di solito, non sono due attività compatibili. Per molti sarebbe proprio bello vivere così, sonnecchiando da mattina a sera senza uscire di casa per il lavoro, la spesa, i bambini da accompagnare a scuola, l’auto da portare dal meccanico e poi ancora le bollette da pagare.

aloe ferox curiositaeperche.it

Già, sembra proprio un bel sogno, irraggiugibile, pura utopia. Ma il sogno per qualcuno diventa realtà. Il fortunato si chiama Phil Latam, professione tester di sacchi a pelo.

come aumentare il seno

Questo fortunato 27enne inglese ha battuto più di 1.000 candidati per ottenere il posto di lavoro e guadagnare ben 900 dollari (690 euro circa) a settimana per rilassarsi, sonnecchiare ed esprimere la sua opinione su diversi modelli di sacchi a pelo per Halfords Group.

smartphone 2 euro
garcinia cambogia funziona davvero

Phil è ancora stordito per la sua conquista, dopo una laurea in Direzione, come molti era alla ricerca di un lavoro, è stata la sua ragazza ha leggere l’annuncio del colosso britannico, importante gruppo rivenditore di ricambi auto e accessori operante in Regno Unito, Irlanda, Polonia e Repubblica Ceca.

ragazzo-lavora-dormendo pagato-per-dormire

La sua famiglia non ha avuto dubbi, è il lavoro su misura per lui: “Sono stato membro degli scout da quando avevo quattro anni – ride Phil – e ho molta esperienza di campeggio. Quando mi sono candidato dopo la segnalazione della mia fidanzata non credevo di ottenere il posto viste tutte le persone che, come me, si sono offerte”.

La famiglia non ha opposto resistenza, anzi, ha subito dissipato ogni dubbio esaltando le doti di scout di Phil che, a detta dei genitori, già dalla più tenera età si è allenato a riposare dove capitava e a fare esperienza da campeggio. Il sogno nel sogno, insomma. Lavorare dormendo e, magari, sognare altri sogni non ancora realizzati mentre si sta lavorando. Cioè dormendo.

rhino correct naso rinoplastica

Non sappiamo quali doti particolari abbiano spinto la direzione del gruppo a scegliere proprio il dormiglione Phil. Su una cosa però siamo certi che per Phil il famoso detto “chi dorme non prende pesci” non vale proprio!

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •