VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/5 (1 voti ricevuti)

Londra – Inghilterra

Volete vivere per più tempo e stare in salute? Mangiate 7 porzioni al giorno di frutta e verdura e non solamente 5 come consiglia la linea guida dell’organizzazione mondiale della sanità.

airbed materasso gonfiabile

E se dovete fare una scelta, preferisci le verdure e ortaggi di vario genere, ovviamente vanno scartati da questi i succhi o frutta sciroppata, i quali a causa degli zuccheri che contengono, fanno assolutamente male.

come aumentare il seno

Questa affermazione è stata annunciata dalla University College di Londra con una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Epidemiology and Community Healthm ed elaborata testando le abitudini alimentari di 65000 persone adulte di almeno 35 anni di età.

tablet omaggio altroconsumo

I benefici di frutta e verdura erano già ben noti anche prima, consigliati per allontanare le malattie, ma questa ricerca dimostra che aumentando il consumo diminuisce e di tanto il rischio di morte, addirittura più del 50% e precisamente, il rischio diminuisce del 31% per ictus e malattie cardiache, e del 25% per cancro.

garcinia cambogia funziona davvero

7 porzioni di frutta e verdura al giorno frutta e verdura allungano la vita verdura e frutta di stagione prorpietà

verdura fa bene

Per le persone amanti delle verdure, la buona notizia è che le carote, insalata e pomodori proteggono il nostro corpo più di pere e mele, una sola porzione di verdure al giorno diminuisce il rischio di morte del 12% rispetto ad una sola porzione di frutta che lo riduce del 4%.

rhino correct naso rinoplastica

In sostanza, anche se per molti individui può essere complicato riuscire a nutrirsi delle 7 porzioni giornaliere, l’annuncio dei ricercatori britannici è perentorio: più frutta e verdura viene consumata dall’essere umano e più ci si allunga la vita. Forse è giusto fare un tentativo, no?

7 porzioni al giorno di frutta e verdura allungano la vita, 5.0 out of 5 based on 1 rating
loading...
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •