VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/5 (1 voti ricevuti)

Tutto il mondo

Avere parti della pelle più scure rispetto al proprio colore naturale non è un problema medico nè una patologia, ma una caratteristica genetica del proprio corpo che molte persone si stanno rendendo conto di avere e che in base ai canoni di bellezza moderni va considerato come un inestetismo corporale. E se finora a ciò non veniva data rilevanza, da quando si è creata la tendenza in molti sono corsi a cercare rimedi e trattamenti.

Una delle zone del corpo più soggette a questo inestetismo è la pelle intorno all’orifizio anale, che tende a essere più scura, a causa dell’accumulo di melanina col passare degli anni.

Ma molte creme presenti in commercio nel mondo per lo sbiancamento della pelle non sono considerate legali in Italia e altri paesi europei (perchè allergeniche e cancerogene) e ció ha portato molti pazienti a rivolgersi al proprio dottore per trovare un rimedio nella privacy dello studio medico, creando così una nuova tendenza nell’ambito della chirurgia estetica: il trattamento di sbiancamento anale.

L’Anal bleaching, come viene chiamato in inglese, pur sembrando una pratica bizzarra che ha scosso il pudore di molti, all’estero è già diffusa al punto da non far più notizia ed in Italia è molto richiesta, anche se cercando di mantenerne la privacy e il silenzio.

tecniche sbiancamento anale

Si tratta di una tecnica medico chirurgica che si effettua mediante laser, da svolgere sotto anestesia locale in quanto può essere fastidiosa e dolorosa. Il laser emette un raggio di anidride carbonica che agisce sulle particelle di acqua presenti nelle cellule cutanee e consente di sbiancare in questo modo la pelle attorno all’orifizio anale, così come in qualsiasi altra parte del corpo dove venga applicato.

Il laser è la soluzione più efficace secondo i chirurghi estetici, ma lo sbiancamento anale può essere ottenuto anche con infiltrazioni di acido ialuronico, da effettuare sempre in anestesia locale, e in alcuni casi, a differenza della prima tecnica, in due o piú sedute per arrivare allo stesso risultato.

L’acido ialuronico è utilizzato in tutto il corpo per eliminare gli inestetismi cutanei, distendere la pelle e farla apparire più giovane e per questo motivo è stato applicato anche nei casi di sbiancamento anale per ottenere un risultato molto simile a quello della tecnica laser.

Sicuramente si sentirà parlare molto di questo capriccio di bellezza nel futuro prossimo e dei motivi che possono spingere una persona, uomo o donna, a voler schiarire la pelle delle sue parti intime, finchè ci abitueremo a non vederlo più come una stranezza!

Contro gli inestetismi boom di richieste: l’ultima novità è lo sbiancamento anale, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •