VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/5 (1 voti ricevuti)

Venezuela

A volte si amano tanto i propri beniamini al punto di spingersi oltre l’immaginabile e fare quelle che indubbiamente possono essere definite delle scelte di vita scellerate.

airbed materasso gonfiabile

Rientra in questa casistica sicuramente il ragazzo venezuelano 37 enne, Henry Damon, con la grande passione per i fumetti, al punto da aver preso una decisione di vita definitiva.

come aumentare il seno

Henry si è sottoposto infatti a quanti più interventi possibili per somigliare a Teschio Rosso, nemico di Capitan America, noto fumetto conosciuto in tutto il mondo. Tutte le operazioni sono state affidate alle mani del dottor Emilio Gonzalez.

tablet omaggio altroconsumo
garcinia cambogia funziona davvero

Henry si è spinto ben oltre ogni immaginazione ed è arrivato a tatuarsi volto e occhi, oltre ad essersi rimosso parte del naso.

Ma le operazioni non sono finite e non appena potrà permetterselo economicamente ricorrerà a impianti di silicone su guance e mento.

“Si tratta di un padre e marito devoto che realizza uno dei suoi sogni di sempre, essere Teschio Rosso”, ha dichiarato un caro amico di Henry, difendendolo dai vari commenti negativi derivati da tutta la rete per la sua bizzarra trasformazione.

C’è chi ha associato il cambiamento del ragazzo a potenziali disturbi mentali ma Henry, come da prassi medica, è stato sottoposto a diversi esami psichiatrici prima dell’intervento, risultando “sano” a tutti gli effetti.

Il ragazzo quindi prima di sottoporsi ai diversi interventi è stato dichiarato capace di intendere e di volere.

Per sua stessa ammissione la strada per la metamorfosi completa nel supercattivo Marvel è ancora piuttosto lunga, ma indubbiamente il suo aspetto fa già una certa impressione ed è al quanto inquietante.

rhino correct naso rinoplastica

ragazzo metamorfosi teschio rosso

Il ragazzo che si è fatto rimuovere il naso per somigliare a teschio rosso, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •