VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/5 (1 voti ricevuti)

Tutto il mondo

La scatola nera è stata progettata per la prima volta dal chimico australiano David Warren nel 1953, dopo un incidente aereo del primo mezzo di trasporto commerciale a reazione. Il sistema era stato studiato per registrare le voci dei piloti e le attività della strumentazione di bordo, tutte in un dispositivo capace di resistere in caso di caduta del velivolo.

airbed materasso gonfiabile

L’agenzia dell’aviazione australiana scartò però il progetto del ricercatore ritenendolo poco necessario e di difficile integrazione con il mezzo di trasporto aereo. Nel 1958 un funzionario inglese, che vide il prototipo realizzato da Warren, si rese conto delle sue potenzialità e gli propose la produzione a livello industriale fornendogli tutti i mezzi necessari.

come aumentare il seno

Oggi le scatole nere sugli aeromobili sono composti da tre parti. La prima unità, denominata CVR (cabin voice recorder), registra le trasmissioni radio e i suoni nella cabina di pilotaggio (per esempio la conversazione tra i piloti e con la torre di controllo), la seconda acquisisce i dati tecnici (altezza, velocità, temperatura, assetto, potenza dei motori, posizione del carrello e dei flap ecc) e si chiama FDR (flight data recorder), e la terza è l’unità dove vengono immagazzinate le informazioni raccolte dalle prime due parti.

tablet omaggio altroconsumo

La scatola nera ha una forte resistenza al fuoco e acqua ed è alloggiata nel posto più sicuro, la coda dell’aereo. La sua lunghezza è di 80 cm per una larghezza di 25 cm ed ha un costo che va dai 30.000 ai 150.000 euro. Inoltre non sono assolutamente nere, ma di colore arancione e sono dotate di un dispositivo che emette un segnale radio per il facile ritrovamento anche dopo giorni.

garcinia cambogia funziona davvero

come funziona una scatola nera funzione scatola nera scatola nera aereo

Scatola Nera

In genere la scatola nera si trova negli aerei, ma da una decina di anni è stata introdotta obbligatoriamente anche sulle navi passeggeri e per tutte le navi che superano le 3000 tonnellate e che fanno scalo in un porto nazionale. In questo caso il sistema si chiama Voyage Data Recorder (VDR) ed è connesso ai sensori posizionati sul ponte di comando e nelle zone sensibili della nave.

Resiste agli urti, fuoco e all’alta pressione raccogliendo informazioni sulla velocità della nave, accelerazione, operazioni eseguite sul timone, sullo stato delle porte a tenuta stagna, inoltre, registra le conversazioni sul ponte di comando tra il personale ufficiale e anche via radio verso le torri di controllo portuali.

rhino correct naso rinoplastica

Il dispositivo in questo caso si chiama Voyage Data Recorder (VDR) ed è collegato ai sensori posizionati sul ponte di comando e nelle zone sensibili della nave. La VDR, resistente agli urti, al fuoco e all’alta pressione, raccoglie informazioni sulla posizione della nave, sulla sua velocità e accelerazione, sulle operazioni effettuate sul timone, sullo stato delle porte ignifughe e su quelle a tenuta stagna. Inoltre, registra le conversazioni che avvengono sul ponte di comando e via radio dalla nave verso l’esterno.

Come funziona una scatola nera?, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •