VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 3.7/5 (3 voti ricevuti)

Lukova – Repubblica Ceca

Si trova a Saint-Georges nella città di Lukova in Repubblica Ceca quella che è stata definita la chiesa più inquietante al mondo.

airbed materasso gonfiabile

La chiesta in questione è carica di una storia abbastanza triste: nel 1968, durante la celebrazione del funerale di una donna, il tetto dell’edificio per motivi sconosciuti è disgraziatamente crollato sulla testa dei presenti.

come aumentare il seno

A valle del crollo persero la vita la bellezza di 32 persone tra uomini, donne e bambini.

tablet omaggio altroconsumo

Da quel giorno il soffitto della chiesa è reputato maledetto e portatore di sventura, motivo per cui la chiesa non ha accolto visitatori per un lunghissimo periodo di tempo. La gente del luogo non volle più entrare per paura di subire qualche disgrazia e rischiare di perdere la vita come quelle povere persone.

L’edificio, a rischio di demolizione, è stato salvato da un’artista locale che ha deciso di intervenire per preservare il patrimonio medievale e far “rinascere” la chiesa abbandonata e maledetta.

Jakub Hadrava ha installato all’interno 32 fantasmi, in memoria delle 32 persone morte tra i banchi 50 anni prima rispetto all’inizio della ristrutturazione.

Oggi il luogo è davvero affascinante e lo spettacolo cui si assiste una volta entrati lascia i turisti perplessi ed estasiati a tal punto che i soldi raccolti hanno permesso la ristrutturazione integrale del monumento.

Che dire indubbiamente la paura è decisamente una leva efficiente per raccogliere fondi e le immagini sono veramente suggestive.

garcinia cambogia funziona davvero

Avreste voi il coraggio di far visita alla chiesa?

rhino correct naso rinoplastica

repubblica ceca chiesa cristiani morte chiesa chiesa morte repubblica ceca

chiesa abbandonata lukova chiesa abbandonata cristiana chiesa morte cristiani

La chiesa più inquietante al mondo si trova in Repubblica Ceca, 3.7 out of 5 based on 3 ratings
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •