smartphone omaggio regalo
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 5.0/5 (1 voti ricevuti)

Palermo – Italia

L’Italia è indubbiamente uno dei paesi del mondo da visitare almeno una volta nella propria vita. Dal nord al sud dell’Italia sono tantissimi i luoghi culturali e di svago da poter visitare.

aloe ferox curiositaeperche.it

Massima indignazione in questi giorni in tutto il mondo, con naturalmente impatto maggiore per gli Italiani, per la mini-vacanza guidata dal 24 al 27 aprile, organizzata da una compagnia di viaggi inglese, con il nome “Sicily Mafia Tour”.

come aumentare il seno
garcinia cambogia funziona davvero

tour mafia in siciliaL’agenzia turistica inglese assicura nel pacchetto vacanza di 4 giorni visite suggestive dei luoghi legati all’immagine e alla vita di Cosa Nostra. Palermo, Monreale, Portella della Ginestra, Cefalù e persino Corleone, terra in cui è ambientata parte della saga cinematografica diretta da Francis Ford Coppola, “Il Padrino”, molto conosciuta in tutto il mondo.

smartphone 2 euro

Scontata l’indignazione e la polemica infuocata scoppiata sul web e sui social network.

“La Sicilia non è soltanto terra di mafia. Ci sono tanti bei luoghi da visitare che vanno ricordati per altro”, sono i commenti di molti utenti.
Tuttavia altri difendono in maniera ferma questa idea sostenendo che i “mafia tour” sono sempre esistiti e sono per attrarre i turisti.

Non è il primo caso nel mondo di attrazione del concetto di Mafia. In passato c’è già stata ampia polemica per i ristoranti in Spagna della catena “La Mafia” e per il fast food austriaco “Don Panino”, che offendeva la memoria della vittime di Cosa nostra.

rhino correct naso rinoplastica

Dall’Italia l’indignazione è massima al punto di portare l’argomento direttamente Parlamento europeo affinchè si possa stoppare l’uso di questo concetto/marchio per attività commerciali nel rispetto tra l’altro delle vittime della mafia.

Nasce il "Sicily mafia tour", polemica è indignazione sul web, 5.0 out of 5 based on 1 rating
Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •