smartphone omaggio regalo
VN:F [1.9.22_1171]
Valutazione: 0.0/5 (0 voti ricevuti)

Guntersville – Stati Uniti

Quando i signori Marshes decisero di adottare un altro bambino, Ed disse a sua moglie: “Questa volta, purtroppo, avremo un figlio che non può nuotare”.

aloe ferox curiositaeperche.it

Il suo pessimismo era comprensibile, dato che Gabe, il sesto figlio adottato della coppia, è nato senza gambe e con un solo braccio.

come aumentare il seno

I coniugi Marshes hanno 2 figli naturali, 6 figli adottati e 50 adozioni a distanza. Ed e Ann da sempre si dedicano al nuoto e ognuno dei propri figli è un ottimo nuotatore.

smartphone 2 euro

Quando alla famiglia si aggiunse Gabe però i dubbi sul fatto che potesse anch’egli avere un buon feeling con la piscina, sono stati legittimi. Oggi però, Gabe ha 6 anni, si appresta ad affrontare il suo primo anno di scuola ed è già un piccolo campione di nuoto!

Le prime volte che i genitori e i fratelli maggiori vedevamo Gabe in una vasca, la paura che potesse annegare era tanta. Per una persona con tali handicap non è sicuramente facile mantenersi a galla e trovare il giusto equilibrio, immaginatevi nuotare. Eppure da subito il piccolo, ha dimostato di poter nuotare e anche molto bene.

garcinia cambogia funziona davvero

campione-di-nuoto bimbo-campione-di-nuoto senza-braccio-campione-di-nuoto

loading...
senza-gambe-campione-di-nuoto senza-arti-campione-di-nuoto

La signora Maria Gaston Shea, uno dei genitori volontari della scuola di nuoto di Guntersville dice: “Nella squadra abbiamo molti bambini talentuosi che hanno le capacità per vincere campionati e tornei, ma credo che gabe per le sue straordinarie capacità e per il modo in cui riesce sempre a migliorarsi, sia la nostra soddisfazione più grande”.

Certamente non sono mancati momenti di panico, come quella volta che durante una gara, Gabe al via si diede uno slancio troppo forte verso il basso, non riusciendo più a risalire.

rhino correct naso rinoplastica

Ma Ed e Ann, non hanno mai avuto dubbi sul suo affidamento, anche se sapevano che sarebbe stata dura crescere un bambino con tali difficoltà, e oggi sicuramente entrambi sono ancora più orgogliosi della grandissima forza di questo piccolo campione.

Condividi con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •